Trehyus

FILI D’ ORO E DIPINTI DI SETA. Velluti e ricami tra Gotico e Rinascimento

Preziosi manufatti tessili eseguiti tra la seconda metà del XV secolo e primi decenni del XVI secolo in Italia e nell’Europa del Nord, in mostra a Trento dal 13 luglio al 3 novembre

 

Fili d’oro e dipinti di seta

Castello del Buonconsiglio
Via Bernardo Clesio, 5 – 38122 Trento TN

13 luglio – 3 novembre 2019

 

Fili d’ oro e dipinti di seta. Velluti e ricami tra Gotico e Rinascimento a Trento
Dalmatica, fine XV sec – inizio XVI sec., velluto, ricami con filati di seta e oro filato, manifattura delle Fiandre, Trento, Castello del Buonconsiglio

 

Sede dei principi vescovi fin dal 1255, il Castello del Buonconsiglio di Trento è il più importante monumento storico-artistico della regione.

All’antica fortezza medievale, Castelvecchio, ingentilita da una raffinata loggia, si aggiunse poi nel Cinquecento il Magno Palazzo, una delle più sontuose residenze rinascimentali d’Italia.

Oggi è il centro culturale più importante dell’intera provincia con grandi eventi espositivi e il coordinamento delle attività dei castelli pubblici della regione (Thun, Caldes, Stenico, Beseno).

Dal 13 luglio e fino al 3 novembre 2019 ospita quindi la mostra Fili d’oro e dipinti di seta. Velluti e ricami tra Gotico e Rinascimento.

Una esposizione che racconta la storia dei tessuti sacri attraverso quadri e preziosi velluti e ricami tra Quattro e Cinquecento.

Si potranno ammirare così paramenti sacri, oltre a una selezione di dipinti su tavola che ne illustrano funzioni e fogge, in parte presenti nelle collezioni del museo e in parte ottenute in prestito da prestigiose Istituzioni.

Paramenti in raffinato velluto o scintillanti di oro e d’ argento, damaschi con ricami in fili di seta variopinta, preziose stoffe fiorentine e veneziane si confronteranno perciò con dipinti sacri.

Realizzazioni di Altobello Melone, Michele Giambono, Francesco Torbido, Rocco Marconi, Maestro di Hoogstraeten.

Fili d’oro e dipinti di seta. Velluti e ricami tra Gotico e Rinascimento. Una mostra che racconta dunque l’affascinante storia dei preziosi manufatti tessili eseguiti tra la seconda metà del XV secolo e primi decenni del XVI secolo in Italia e nell’Europa del Nord.

Tra questi vi è il preziosissimo parato di papa Niccolò V del Museo del Bargello di Firenze, commissionato nel 1450 dalla città di Siena e donato in seguito al pontefice in occasione della canonizzazione di San Bernardino.

 

Inaugurazione venerdì 12 luglio ore 18.00

 

Orari:

Da martedì a domenica 10.00 – 18.00
Lunedì chiuso

 

Informazioni:

Tel: +39 0461 233770
E-mail: info@buonconsiglio.it
Sito web: https://www.buonconsiglio.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *